Foto L. Monasta

Scuola

Dal 2012 in Italia non esistono più i programmi ministeriali. L’autonomia scolastica richiede che vengano forniti alle scuole obiettivi di apprendimento e competenze che ogni studente deve acquisire. Ma i contenuti? Nelle indicazioni generali per la scuola bisogna tener conto delle otto competenze chiave europee per la cittadinanza e l’apprendimento permanente. Roba vecchia (Raccomandazione europea del 18.12. 2006) ma informazione poco nota. Vediamo cosa dice. Ci stupirà!

fatacarabinaJPG

Elogio del tempo pieno 

Nel tempo pieno il bambino va a scuola per 40 ore alla settimana, è vero. Ma in queste ore c’è dentro il gioco, il pranzo, la pausa dopo pranzo, i lavori di gruppo, il relax, lo scambio, il giardino. Tempo liberato, insomma. Questo sarebbe il tempio pieno. Una chicca pedagogica che fa amare gli altri e la scuola come “ambiente naturale”. Sarebbe così, se non lo stessero demolendo a picconate ovunque. Mamme, anche se non lo scegliete, difendete il tempo pieno!

KdP_Massaggio-2

Il massaggio in classe ed il tocco gentile

La qualità dell’esperienza scolastica, dicono le ideatrici di questo programma, è una responsabilità che ricade sugli adulti: diminuire l’abbandono scolastico, la frustrazione derivante da interazioni sociali non equilibrate e favorire l’ integrazione migliorando le condizioni dell’ambiente sociale in cui si impara, è un modo per contribuire a costruire una società migliore. Una società in cui il “contatto sano” favorisce insieme il rispetto e la conoscenza di sé ed il rispetto e la conoscenza dell’altro.

friuli nepal

Friuli mandi Nepal namastè

– di Francesca Versienti – Il Friuli di ieri. Il Nepal di oggi. Un confronto fra lingue, culture, persone. Tanto lontane in apparenza. Drammaticamente vicine nella realtà. Inizia così il film-documentario “Friuli Mandi Nepal Namastè”. Tanti progetti che con relativamente pochi soldi hanno permesso a bambini di piccoli villaggi lontani dalle rotte turistiche di studiare,… Continua