New York – Trieste. È in gioco il rispetto?

di Simonetta Lorigliola – Foto di Lorenzo Monasta

 

new york 114

New York. Mi trovavo là nel mese di giugno e la città brillava nella sua miriade di bellezze e contraddizioni. Perché NY è la città del contrappunto per eccellenza. 

Un luogo in cui c’è il mondo, intero. Facce, lingue, cibi, alfabeti parlati e immaginari. E anche tutte le disparità e gli abissi che il pianeta produce quotidianamente senza sosta.

new york 011

 

Tra Harlem e il Financial District passi in un lampo dalla tirata mancanza alla danarosa ostentazione. A Chinatown sei in una vera piccola città in cui tutto è autenticamente cinese: il caos, le mercanzie in strada, le anatre laccate appese su vetrine sudate, i cartelli pubblicitari e dietro l’angolo ti trovi Little Italy un penoso ricettacolo per turisti middle class in cui i marciapiedi pullulano di ristoranti fintitaliani alla salsa rossa e chianti del fiasco, tutto troppo brutto per essere anche solo un cliché.

new york 021

A NY a giugno c’è ogni anno una delle più grandi manifestazioni pubbliche della società civile.

Un corteo portentoso e sentito che coinvolge visibilmente tutta la città nella sua preparazione. Il Comune è in testa e provvede alle necessità logistiche che 400.000 partecipanti richiedono.

Parliamo del Gay Pride, naturalmente.

new york 181

Preparativi per il Gay Pride

Quest’anno, dopo la strage omofoba di Orlando, tutto era maggiormente carico di tensione emotiva. La manifestazione, rabbiosa, bella e pacifica, ha percorso la Quinta strada ed è terminata presso lo storico Stonewall Inn, il pub nel Greenwich Village dove il 28 giugno 1969 un gruppo di gay si opposero con una rivolta alle innumerevoli retate della polizia nei locali e alle continue  pressioni delle istituzioni contro la loro libertà di esistere ed esprimersi.

new york 154

 

La miccia esplose quando Sylvia Rivera gettò una bottiglia contro un poliziotto. Una donna, che non portava un cognome inglese, e che non era conformemente eterosessuale. Gli anni passano e le battaglie servono. Oggi, pur continuando a servire birre, lo Stonewall è Monumento nazionale.

new york 153

Il pub divenuto Monumento nazionale

Nella giornata del Pride l’arcobaleno di colori che ne è simbolo viene proiettato sui due grattacieli icona della città, l’Empire Building e il Memorial Freedom Tower. 

La Freedom Tower (che sorge sulle fondamenta del World Trade Center) illuminata coi colori del Gay Pride nel giorno della manifestazione

La Freedom Tower (che sorge sulle fondamenta del World Trade Center) illuminata coi colori del Gay Pride nel giorno della manifestazione

Oggi i treni della subway ospitano pubblicità municipali che invitano ad utilizzare i bagni pubblici secondo la propria sensibilità di genere, non secondo quella biologica. E lo fanno nelle lingue del luogo, ispano-americano in primis.

Manifesti pubblicitari della Municipalità di NY nella metropolitana

Manifesti pubblicitari della Municipalità di NY nella metropolitana

NY è il centro del mondo.Trieste non abita in questo mondo forse? 

Va in fumo il piccolo e importante Gioco del rispetto dedicato all’educazione di genere nelle scuole dell’infanzia. Scoppiano fuochi artificiali per festeggiare le nozze del neo (old) sindaco, che nessuno in città può ignorare ma le unioni civili, e quindi i matrimoni gay, sono un fastidio che va nascosto nei recessi dei labirinti burocratici e a cui non è concessa la conformità della sala matrimoni.

Dall’altra parte si istituiscono multe contro i clochard, entità da eliminare dalla vista in una città decorosa.

Se il buongiorno si vede dal mattino, non sarà certo un bel lustro quello che a Trieste attende i diritti civili, il rispetto delle diversità e la loro integrazione. E tutti quei valori che in un mondo in movimento sono e dovrebbero essere riconosciuti e liberati. Da tutti e per tutti.

Scritto da simonetta lorigliola

simonetta lorigliola

Simonetta Lorigliola, studi filosofici, è giornalista e vive e lavora a Trieste.
ha collaborato con "EV. Vini. Cibi Intelligenze", la rivista di Luigi Veronelli. Dal 2004 al 2010 ha diretto la Comunicazione sociale e le Campagne per Altromercato, la maggiore organizzazione di commercio equo e solidale italiana per la quale ha fondato il progetto IlCircolodelCibo. Autrice di pubblicazioni su origini e storia, ha recentemente pubblicato "È un vino paesaggio" (DeriveApprodi, Roma, 2017) È stata tra gli ideatori del progetto "t/Terra e libertà/critical wine" che ha organizzato decine di eventi in tutta Italia. Oggi collabora con il Seminario Veronelli. Scrive su Konrad dal 2012 e da ottobre 2015 ne è la direttrice.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *