Gorizia: difficili prove di accoglienza civile

Situazione esplosiva sulla questione migranti a Gorizia.
Nel senso che non mancano coloro che sguazzano nelle difficoltà altrui.
I migranti – richiedenti asilo e rifugio- sono in numero crescente e vanno sistemati. Per dovere umanitario, prima ancora che per legge.
Manca una struttura di prima accoglienza, che anticipi quella diffusa. È vero.
Ma che dire di coloro che manifesteranno perchè Gorizia difenda la sua italianità respingendo tutti?
Per contribuire a chiarirsi le idee suggeriamo la lettura di un articolo  culturalmente corretto apparso sul Corriere.it a firma di Aldo Cazzullo. Si intitola “Gorizia, i migranti e quel «bivacco» nel parco dei Caduti”. Noi ne consigliamo la lettura. È qui.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *