Dogliotti ovvero la nascita del Moscato d’eccellenza

Romano Dogliotti

Ovvero la nascita del Moscato d’eccellenza

di Simonetta Lorigliola

Castiglione Faletto, collina astigiana. Siamo davanti a un pezzo di storia di queste terre, Romano Dogliotti.

Da subito si era incaponito a produrre da subito ad alti livelli qualitativi, litigando per questo, racconta, con il padre, negli anni Settanta.

“Fu Veronelli ad incoraggiarmi. E lo fece di continuo, fummo accanto in molti momenti e in tante battaglie”.

Romano Dogliotti

Romano Dogliotti

Romano Dogliotti scelse di produrre Moscato. Per quali ragioni?
Cosa potevo fare d’altro? Non riesco a immaginarlo. Mio padre voleva facessi l’aviatore. Non mi andava. E per fare qualunque altra cosa bisognava studiare. Altri lavori ho provato a farli, ma non mi ci sentivo dentro. Io dovevo fare il contadino, avevo dentro di me qualcosa di mio padre e dovevo fare così.

Suo padre produceva già Moscato?

Era contadino. Lo faceva, ma era un Moscato diverso. Lo vendeva a fusti, era destinato al vermouth e lo mettevano anche nella Barbera, per renderla frizzante. Poi ci fu il provvedimento a favore dello zucchero libero nei vini e il Moscato non lo comprava più nessuno. Bisognava far qualcosa. Cambiare la destinazione di quel vino, migliorarlo, farne un prodotto differente.

La strada era il miglioramento qualitativo

Veronelli girò Viaggio sentimentale nell’Italia del vino nel 1979, anche in Piemonte. In quel ciclo di trasmissioni Rai c’erano grandi insegnamenti per i viticoltori italiani. Sulla qualità, sull’identità dei vini. È stato un grande maestro. Dopo di lui non c’è storia. Non può essere sostituito da nessuno, Veronelli.

Come andò la prima visita di Veronelli in azienda?

Venne e assaggiò il Moscato. Poi volle vedere le vigne. Lo portai alla Galeisa. Lì c’è il tufo bianco, un substrato particolare. E mi disse E tu, disgraziato, hai queste terre e non ne fai un Moscato loro proprio? Mi convinse. Cominciai a farlo. Oggi i miei Moscato sono vinificati tutti allo stesso modo, ma divisi secondo i vigneti di provenienza, che danno loro il nome.

Secondo Romano Dogliotti cosa c’è oggi all’origine del migliore Moscato?

Uve belle, sane, curate che vanno raccolte al giusto quadro aromatico e pressate immediatamente. E il territorio. Parte tutto da qui. Semplice, no?

 

L’assaggio

Moscato d’Asti

LA CAUDRINA 2015

025 La-Caudrina-Moscato

Scritto da simonetta lorigliola

simonetta lorigliola

Simonetta Lorigliola, studi filosofici, è giornalista e vive e lavora a Trieste.
ha collaborato con "EV. Vini. Cibi Intelligenze", la rivista di Luigi Veronelli. Dal 2004 al 2010 ha diretto la Comunicazione sociale e le Campagne per Altromercato, la maggiore organizzazione di commercio equo e solidale italiana per la quale ha fondato il progetto IlCircolodelCibo. Autrice di pubblicazioni su origini e storia, ha recentemente pubblicato "È un vino paesaggio" (DeriveApprodi, Roma, 2017) È stata tra gli ideatori del progetto "t/Terra e libertà/critical wine" che ha organizzato decine di eventi in tutta Italia. Oggi collabora con il Seminario Veronelli. Scrive su Konrad dal 2012 e da ottobre 2015 ne è la direttrice.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *