011 International Rights K229

Tallin, Estonia. Oltre lo sguardo turistico

INTERNATIONAL RIGHTS Tallin, Estonia. Oltre lo sguardo turistico di Giuliano Prandini Nella capitale dell’Estonia masse di turisti percorrono la Città Vecchia, si affollano sulla collina Toompea, lungo il giro delle mura medievali, nella piazza del Municipio, nelle chiese. Della  Statua di Bronzo non sanno, è un monumento al quale solo gli abitanti, quelli di origine… Continua

Friuleuskalherria_K227_.immagine

Prigionieri baschi sui monti friulani

Prigionieri baschi sui monti friulani di Luca Meneghesso ETA, il gruppo rivoluzionario, indipendentista e socialista basco, ha consegnato a rappresentanti della società civile dei Paesi Baschi le sue armi sabato 8 aprile, diventando di fatto “una organizzazione disarmata”. Ma qual è la situazione nei Paesi Baschi (Euskal Herria)? Ne parliamo con Guido del Comitato Friûl–Euskal… Continua

redivo 227 b

Cambiare il paradigma nell’accoglienza ai migranti

Cambiare il paradigma nell’accoglienza ai migranti di Alessandro Redivo A Milano, un’iniziativa “dal basso” che apre a nuove prospettive I messaggi scritti su due teli bianchi “Qui nessuno è straniero” e “Stop war not people“, stride con i due militari armati che controllano l’ingresso della caserma. Le colonne austere dei portici novecenteschi della caserma ospitano una… Continua

012 Banane_ k226_Gloriosa victoria

Banane, colonialismi e un dipinto di Diego Rivera

Paesi delle banane  Banane, colonialismi e un dipinto di Diego Rivera di Óscar García Murga Nel 1950 un filmato promozionale della United Fruit Company (UFCO) chiamava Banana Land l’insiem dei seguenti paesi: Messico, Guatemala, Honduras, Costarica, Panama, Colombia, Cuba, Giamaica e Repubblica Dominicana. Nel 1971, con la commedia “Il dittatore dello Stato Libero di Bananas”… Continua

arrivo profughi siria

Corridoi umanitari. Contro i trafficanti di esseri umani e i barconi della morte.

Un progetto pilota contro i trafficanti di uomini che fanno affari con chi fugge dalle guerre e per concedere a persone in “condizioni di vulnerabilità” (vittime di persecuzioni, torture e violenze, famiglie con bambini, anziani, malati, persone con disabilità) un ingresso legale sul territorio italiano con visto umanitario e la possibilità di presentare domanda d’asilo.