Besame mucho

028-besame-mucho-copertina

Una lettura imperdibile per i futuri mamme e papà

Questo libro è unico e apre le menti. Il consiglio è di leggerlo nei mesi di gravidanza.O anche dopo, se troverete il tempo :)

Carlos Gonzàlez, noto pediatra sensibile e preparato, ha il grande merito di mettersi “dalla parte del bambino”. Niente assunti ideologici o modelli precostituiti che troppo spesso ispirano i libri di puericultura. U

Il bambino è sostanzialmente “buono” o è invece sia un “furbetto” pronto ad approfittare della situazione? Può farlo a poche settimane o mesi di età? Ovviamente no.

Bésame mucho si basa sul concetto che i bambini sono essenzialmente buoni e che le loro necessità affettive siano importanti come quelle fisiologiche. Stare in braccio è importante esattamente come mangiar

Come pretendere che il piccolo dorma da solo e accetti la separazione quando le informazioni genetiche da milioni di anni gli dicono di stare all’erta quando è solo, di mettersi vicino a qualcuno soprattutto quando è notte e il pericolo è maggiore? 

Certo, i comportamenti si possono modificare anche repentinamente, ma a quale prezzo? Sepianege e lo si lascia piangere “per educarlo” si avrà un bimbo ammutolito, rassegnato, pronto a sottomettersi o a diventare aggressivo..

Il bisogno di contatto psico-fisico e di protezione è primario nella nostra specie e la scelta di far dormire da solo il bambino è un recente prodotto della nostra cultura. I problemi del sonno infantile si sono acuiti:  troppi stimoli diversi e troppa frammentazione nel corso della giornata (mamma, asilo, nonna…). Insicurezza crescente. Bisogno di protezione, soprattutto la notte.

Il bambino si nutre di sicurezza e cresce sereno quando è approvato, amato, “contenuto”, abbracciato. ll contatto fisico come strumento di crescita verso la sicurezza e l’autonomia.

Al vostro bambino non stancatevi mai di dare baci. Sono i semi della sua felicità futura.

(S.L.)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *