010 Geocronache k230 fortezza-gradisca-ravalli-k230

Gradisca tra storia e architettura

GEOCRONACHE Gradisca tra storia e architettura Oggi le sue battaglie non sono ancora finite di Riccardo Ravalli Eppure ne ha avute abbastanza. Eventi di cui rimane memoria in un relitto di strada, in un ponte romano, nel nome di una località. Testimonianze di genti che sono passate: romani, quadi e marcomanni, unni, longobardi, ávari. Ma… Continua

geocronache-valresia.catemamusi-ravalli-k-218

Le Babe e i Kramar

Parole e suoni, abitudini, usanze, foto e strumenti. Scampoli del tempo trascorso, eredità del suo scorrere inesorabile. Sono emerse qualche mese fa quando (come Gruppo ONC Operatori Naturalisti e Culturali del CAI-Società Alpina delle Giulie) intendevamo proporre percorsi alla ricerca di acque carsiche che sgorgano gelide ai piedi dell’altipiano del Canin da numerose sorgenti, chiamati… Continua

JNC DIGITAL CAMERA

Palmanova & Lepanto

La storia nascosta nelle esplorazioni di speleologia urbana. Proposta di un itinerario da scoprire a Palmanova Ecco i protagonisti: la Serenissima, i Turchi e gli Asburgo, per non parlare di Napoleone e dei Francesi. È arrivata, fin qui, pur quasi impercettibilmente, l’onda, causata dallo scontro tra civiltà, che ha coinvolto l’ampia terra di mezzo posta… Continua

monagna2

Uomini e Monti abbandonati

– di Riccardo Ravalli –  Come salvare la montagna dalla marginalizzazione? Se beviamo acqua e di mattina una tazza di latte o yogurt con mirtilli. Se abbiamo la fortuna che il nostro mobilio o le travi del tetto siano di legno, più o meno massiccio. Se apprezziamo la musica, specialmente classica o antica. Se amiamo andare… Continua

AlcolistiAnonimi

Un bicchiere è troppo e 1000 troppo pochi

La comprensione del disagio degli altri è il punto fondamentale. È arricchita dal desiderio di aiutare chi sta annegando nei medesimi problemi, da loro già vissuti e superati. Essi sanno resistere alle lusinghe mortali del bicchiere, e possono indicare la strada per liberarsi da quelle stesse sofferenze che hanno subito e patito.

monte_penna

Il lupo non l’ho incontrato

– di Riccardo Ravalli – Il lupo non l’ho incontrato. Ho invece visto le lucciole, dopo anni ormai, stupito da queste luci effimere che parlano di un mondo agreste e pulito, così lontano dalle nostre città. C’erano anche i cinghiali che nottetempo si aggiravano tranquilli tra le tende. È stata una vacanza double face: arte e… Continua