Anguria e melone: un pieno di salute!

Siamo in piena estate e la natura è così ricca di frutti salutari che abbiamo solo da coglierli a piene mani. Quando fa veramente caldo il nostro istinto ci guida verso due frutti straordinari: il melone e l’anguria.

– di Nadia e Giacomo Bo –

AlimentazioneAnguriaMelone

Il melone
Contiene una percentuale elevata d’acqua (circa il 95%) e quindi ci offre una sensazione di freschezza e di sollievo nella calura estiva. Privo di grassi, fornisce uno scarso apporto calorico: circa 34 calorie per 100 grammi. ConTiene molti sali minerali: ferro, calcio e fosforo e le vitamine C, A e B.
I suoi benefici per la salute sono straordinari. Il melone è ricco di carotenoidi, considerati utili per la prevenzione del cancro e per ridurre il rischio di tumore ai polmoni. Grazie all’adenosina contenuta nel melone, il sangue si mantiene maggiormente fluido, riducendo il rischio di infarto e ictus. Il melone stimola i movimenti intestinali che possono essere compromessi da eventuali problemi digestivi. Il suo contenuto di minerali contribuisce a eliminare l’acidità eccessiva dell’organismo, favorendo la digestione. É una fonte naturale di energia, non soltanto per il suo contenuto di zuccheri naturali, ma anche per il suo apporto di vitamina B, necessaria per la produzione di energia da parte dell’organismo a partire dai carboidrati. Il melone, per via del suo elevato contenuto d’acqua, presenta un buon potere diuretico. Può contribuire a mantenere la salute dei reni. Se unito al succo di limone, può contribuire a contrastare la gotta.
L’anguria

E’ l’altro grande frutto dell’estate; rientra nella categoria degli alimenti più dissetanti e rinfrescanti in assoluto perché costituita da oltre il 93% di acqua, e fornisce pochissime calorie (solo 16 per 100 grammi). Nell’anguria si contano all’incirca 3,7 grammi di zuccheri per etto di frutto, 0,4 di proteine e 0,2 di fibre. Per questi motivi è un ottimo alleato nelle diete ipocaloriche. Il consumo eccessivo è sconsigliato ai pazienti diabetici. L’anguria è fonte di vitamine antiossidanti (A e C), vitamine del gruppo B (B6) e sali minerali, in particolare potassio, fosforo e magnesio (rispettivamente, 112, 11 e 10 mg/100g di prodotto).
Grazie all’acqua che contiene la sua proprietà migliore è quella depurativa tant’è che per alcuni popoli africani, i beciuani, il frutto viene esaltato come sacro e purificatore.
L’attività depurativa dell’anguria è correlata a quella diuretica: stimolando la diuresi, nell’organismo viene infatti favorita l’eliminazione delle scorie in eccesso. La modica quantità di sali minerali e vitamine presenti rappresenta un utile rimedio naturale – seppur blando – contro stati di stanchezza, affaticamento fisico e stress, tipici dei mesi estivi.
Essendo ricca di potassio, l’anguria è consigliata anche alle persone che lamentano disturbi estivi legati ad alterazione della pressione osmotica, ritenzione idrica, eccitabilità neuromuscolare e lievi alterazioni della ritmicità del cuore. Per la presenza di vitamine, sostanze antiossidanti e carotenoidi, l’anguria rientra tra i frutti studiati dalla ricerca in questi ultimi anni come possibile – ma non ancora dimostrato – rimedio nella prevenzione di tumori.
Ciò che conferisce all’anguria il suo tipico colore rosso è il licopene, di cui sono ricchi anche i pomodori. Si tratta di una sostanza antiossidante che combatte l’invecchiamento cellulare, agendo contro i radicali liberi. Ecco perché l’anguria può essere importante anche per combattere l’infiammazione provocata dall’asma, dall’arteriosclerosi e dall’artrite. Inoltre si rivela importante contro il diabete e il colesterolo.
L’anguria protegge le vie respiratorie e il fegato ed è utile anche per contrastare gli inestetismi dovuti alla cellulite. Inoltre contiene carotenoidi, sostanze antiossidanti dall’azione benefica. Una ricerca eseguita presso l’Università della Florida ha messo in evidenza che l’ipertensione può essere tenuta sotto controllo mangiando anguria: sarebbe merito della L-citrullina, un aminoacido, importante per la formazione dell’ossido nitrico, che assicura l’equilibrio della pressione e mantiene elastiche le pareti arteriose.

Anguria e melone sono un vero concentrato di salute sebbene siano composti quasi esclusivamente di acqua!
Come consumarli? Essendo molto zuccherini se mangiati durante i pasti principali  tendono a fermentare durante la digestione causando più danni che benefici. La cosa migliore è consumarli lontano dai pasti, ossia come merenda, o anche come colazione. Anche un pranzo a base di melone e anguria è certamente leggero e dimagrante ma fornisce sufficienti risorse per condurre bene la giornata.

www.ricerchedivita.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *