Che fine ha fatto il cibo? Il fallimento definitivo di Expo 2015

Che fine ha fatto il cibo?

Il fallimento definitivo di Expo 2015

di Alessandro Redivo

expo2

EXPO, quattro lettere, come CIBO. Del primo si parla ancora e molto, nelle aule dei tribunali, fra gli scranni dei politici locali e nazionali, nei giornali, spesso affiancati a termini quali avviso di garanzia o corruzione. Expo Milano come modello di successo da copiare e replicare all’infinito: ExpoArte, ExpoAperitivo, ExpoMostra, ExpoVattelappesca. Del secondo invece è rimasta solo la declinazione in chiave di profitto, subito. Nell’ultimo trimestre a Milano è esplosa la food delivery on line mania: Foodora, Deliveroo, Just Eat, Glovo. Multinazionali della consegna a domicilio pronte a cavalcare l’onda dell’evento internazionale, sfruttando un esercito di ragazzi precari costretti a pedalare (nel vero senso della parola!) per meno di tre euro a consegna.

E pensare che nel semestre di Expo Milano 2015, la parola cibo è stata spesso accompagnata da un’aurea di salvifico ottimismo: diffondere un’alimentazione sana, buona, sufficiente e sostenibile, riflettere sulla storia dell’uomo e sull’annoso paradigma fra consumo e produzione. In concreto, quali contributi ai temi dello sviluppo del pianeta sono stati condivisi universalmente?

Iniziamo dal testamento morale di Expo: la Carta di Milano. Il documento che a detta degli organizzatori avrebbe dovuto fungere da guida, una sorta di trattato di Kyoto dell’alimentazione, si rivela insufficiente. Dieci pagine romanticamente superficiali, colme di diplomatiche promesse e generici impegni. Nessuna traccia di un obiettivo tangibile. Non vi è alcun atto concreto legato a una scadenza temporale, nessuna responsabilità conferita. Il gesto quotidiano di praticare la raccolta differenziata o il segno che il contadino lascia sulla terra arata, valgono, da soli, molto di più del tempo e dell’energia spesa per redigerlo.

Un altro progetto partorito da Expo è stato Feeding Knowledge. La piattaforma web nata con l’intento di raccogliere, condividere e sostenere le migliori pratiche in ambito di sostenibilità, agricoltura e sviluppo rurale. Oltre ad aver premiato e supportato le migliori 18 Best Practices, c’è ben poco: database non aggiornati, link non validi o che rimandano a siti sbagliati. Le ultime ricerche condivise o pubblicate risalgono al 2015, nessun evento all’orizzonte, un contenitore “planetario” vuoto.

Il contributo dell’ONU e delle sue agenzie a EXPO Milano 2015 di certo non spicca per concretezza e innovazione. È sufficiente passare in rassegna i principali avvenimenti per rendersene conto: Giornata Mondiale dell’Alimentazione, 16 ottobre. Giornata Mondiale dell’Ambiente, 5 giugno. Giornata Mondiale Umanitaria, 19 agosto. Fra i “traguardi” raggiunti si annovera inoltre “get to Zero”, l’insostituibile App-gioco che ha guidato il visitatore in un percorso interattivo all’interno del sito espositivo. Fra presentazioni, eventi, celebrazioni autoreferenziali e parate di autorità, la sensazione che concetti come Fame Zero e Agenda 2030 rimangano distanti, è il caso di dirlo, dal sopravvivere quotidiano.

Un interessante passo in avanti è rappresentato dalla legge recentemente approvata per la Tutela del reddito di contadini, allevatori e pescatori. Ci sono senz’altro buone notizie per gli agricoltori, vengono aboliti IMU, IRAP e concessi incentivi per l’innovazione tecnologica. Ma il governo ha esteso il concetto di reddito agrario alla produzione e cessione di energia elettrica da fonti rinnovabili. In pratica: riempire cascine e campi coltivabili di pannelli fotovoltaici sarà equiparato alla semina e alla raccolta. Invece di dare dignità e valore al gesto antico, si è preferito investire in scorciatoie contemporanee.

L’elenco potrebbe continuare, citando progetti, conferenze, congressi, Parigi, Rio, Fame Zero, obiettivi del Millennio e tanti altri slogan farsa. L’unica certezza è la colpevole assenza del reale protagonista: l’UOMO. Quattro lettere, come CIBO.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *